SIAMO DIVENTATI SCHIAVI DELLA TECNOLOGIA?

Siamo giovani e siamo quasi obbligati ad avere il telefono nuovo, ultimo modello, con app super fighe e da li aggiorniamo i nostri profili social.

Una volta si era fighi quando si andava in centro con la macchina lavata o con le scarpe nuove, ora ci si sente fighi ed importanti basandoci su quanti amici abbiamo su Facebook o quanti contatti abbiamo su Twitter.

Volete fare un gioco? girate per la vostra città e contate quanti usano il telefonino mentre sono con il loro compagno / compagna o con gli amici, noi abbiamo fatto questo “gioco” e possiamo garantirvi che quasi l’80% della popolazione è “vittima” della tecnologia, ma occhio! La tecnologia usata male; perché la tecnologia non è la nostra nemica o qualcosa di negativo anzi, lo è perché ci permette di usare le email, seguire corsi online, e persino un corso di laurea.

Insomma, la rivoluzione che Internet ha provocato dal punto di vista delle relazioni sociali, sia in positivo che in negativo, non può essere ignorata e si estende a macchia d’olio. Ma quanto realmente ragioniamo sulla nostra vita virtuale?Il primo grande merito dei social network è indubbiamente quello di aver facilitato la comunicazione : basta avere la connessione a Internet per parlare in tempo reale con persone dall’altra parte del globo, grazie alle webcam addirittura vederne. Riusciamo a mantenere i contatti nel tempo più facilmente e procurarne altri in modo ancor più semplice, e in questo vastissimo intreccio di reti sociali virtuali le informazioni viaggiano alla velocità della luce e le idee circolano e si modificano continuamente, permettendo anche la diffusione di informazioni “non ufficiali” che non potrebbero essere diffuse altrimenti; in questo modo quasi qualunque tipo di informazione è accessibile a chiunque. Nonostante i meriti da riconoscere ai social network , è necessario parlare anche dei problemi che nascondono. Sono moltissimi coloro che sono riusciti a guadagnarsi i tanto agognati quindici minuti di popolarità nella piazza virtuale, anche a costo di ridicolizzarsi o di accendere i riflettori sulla propria vita privata; è importante invece tutelare i propri dati personali per evitare spiacevoli inconvenienti.

In secondo luogo pur favorendo lo sviluppo di relazioni virtuali, i social network portano molti utenti a isolarsi dalla vita sociale reale in quanto le amicizie online sono più facilmente gestibili, fenomeno che si diffonde sempre più, la tecnologia è un coltello a doppia lama, bisogna saperla usarla in modo corretto, può dare molto ma può anche togliere molto.

Vi ricordate come era la nostra vita 15 anni fa?

Immaginatevi tra 15 anni come sarà la nostra vita?

In ogni caso usate “La Tecnologia” in modo positivo.

Annunci


Categorie:Senza categoria

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

Professoressa Orrù

Latino e Greco per le mie classi del Liceo Dettori di Cagliari fino a settembre 2017; ora anche altro, anche per altri

Jesslan

Una bionda a 88 mph

JSunflower

Segui i tuoi sogni, loro conoscono la strada.

Michela Silvia D'Alessandro Fotografia

"The emotions seen by my eyes"

Stefano Cicchini

Italian Influencer & Instagram Specialist

Diario di una psicopatica sentimentale

Un professionista non se la prende mai con un cretino. Luis Sepulveda

Gabo Serra PH Travel

Ci sono due modi per vivere: uno è viaggiare ed essere felici, l'altro non lo conosco.

hovogliadichiacchiere . . .

cosa c'è di meglio di una bella chiacchierata fra amici?

Storie in punta di righe

fiabe, racconti e ritratti di parole

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

lagendadichiara

working to get out of my comfort zone, or maybe, make it bigger !

tacotacorinbimbim

in alta definizione

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

hicetnunc.wordpress.com

La sensibilità è un dono prezioso e raro. Chi è sensibile sente il doppio e in anticipo, sente la pioggia prima ancora che gli cada addosso e sente le urla di chi piange in silenzio, chi è sensibile non ha bisogno di spiegazioni inutili, preferisce un abbraccio muto.

Letture/Lecturas

"Leggere è sognare per mano altrui. /Leer es soñar de la mano del otro " Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine- Libro del desasosiego

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

I bit-elloni

Retrogames, Videogames, Console e Retrogaming

comics country

AllAboutComicsAndMore!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: