Torregiani

Stamattina in macchina mentre andavo al lavoro, sentivo RTL come sempre, Alberto Torregiani ha fatto una telefonata per raccontare il suo Punto di Vista, vi confesso che avevo i brividi.

Una voce umile e pacata da qualcuno che ha perso tanto nella vita.

Raccontava, “mi trasferì in un’altra città e usai l’altro mio cognome per vivere la mia vita in carrozzina in un modo tranquillo”

Ragazzi sono davvero parole che toccano il cuore.

Comunque sentite l’intervista https://www.rtl.it/notizie/articoli/battisti-torregiani-a-rtl-1025-non-ha-mai-voluto-farsi-perdonare/

 

Da L’Unione Sarda 

IL DELITTO – Quel giorno del 16 febbraio 1979, Pierluigi Torregiani – gioielliere titolare di un piccolo esercizio nel quartiere Bovisa, a Milano – stava aprendo il suo negozio assieme ai figli.

È qui che fu colto da un gruppo armato, costituito da Sebastiano Masala, di Nule, Giuseppe Memeo e Gabriele Grimaldi.

Torregiani, che si aspettava questa aggressione, cercò di rispondere estraendo la pistola, ma fu colpito da Memeo e finito con un colpo alla testa da Grimaldi. Nella sparatoria rimase ferito il figlio Alberto, all’epoca quindicenne: un proiettile raggiunse la sua colonna vertebrale rendendolo paraplegico per tutta la vita.

Torregiani da tempo era nel mirino dei terroristi, da quando durante un tentativo di rapina in una pizzeria – anche lì il gioielliere era armato – era stato additato come un “giustiziere di estrema destra”.

Memeo e Grimaldi furono condannati come esecutori materiali, Masala come concorrente. Dal processo emerse che Battisti era stato co-ideatore e co-organizzatore del delitto e fu condannato a 13 anni (poi ergastolo in appello per altri omicidi).

Oggi questa storia finisce per rendere giustizia e dignità alle famiglie delle vittime.

Un 14 gennaio 2019 che ricorderemo tutti e chissà un inizio d’anno in cui L’Italia cambierà; ce lo auguriamo!

Alberto e Pierluigi (Ansa)

 

Annunci


Categorie:news

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

Professoressa Orrù

Latino e Greco per le mie classi del Liceo Dettori di Cagliari fino a settembre 2017; ora anche altro, anche per altri

Jesslan

Una bionda a 88 mph

JSunflower

Segui i tuoi sogni, loro conoscono la strada.

Michela Silvia D'Alessandro Fotografia

"The emotions seen by my eyes"

Stefano Cicchini

Italian Influencer & Instagram Specialist

Diario di una psicopatica sentimentale

Un professionista non se la prende mai con un cretino. Luis Sepulveda

Gabo Serra PH Travel

Ci sono due modi per vivere: uno è viaggiare ed essere felici, l'altro non lo conosco.

hovogliadichiacchiere . . .

cosa c'è di meglio di una bella chiacchierata fra amici?

Storie in punta di righe

fiabe, racconti e ritratti di parole

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

lagendadichiara

working to get out of my comfort zone, or maybe, make it bigger !

tacotacorinbimbim

in alta definizione

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

hicetnunc.wordpress.com

La sensibilità è un dono prezioso e raro. Chi è sensibile sente il doppio e in anticipo, sente la pioggia prima ancora che gli cada addosso e sente le urla di chi piange in silenzio, chi è sensibile non ha bisogno di spiegazioni inutili, preferisce un abbraccio muto.

Letture/Lecturas

"Leggere è sognare per mano altrui. /Leer es soñar de la mano del otro " Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine- Libro del desasosiego

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

I bit-elloni

Retrogames, Videogames, Console e Retrogaming

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: