Cesare Battisti trattato come un trofeo di caccia (Ma anche i colpevoli devono essere rispettati)

Amici vi proponiamo un piccolo stralcio di un articolo apparso su TGCOM:

“di Enrico Fedocci
Le immagini che mostrano Cesare Battisti come trofeo di caccia sono quanto di più vergognoso abbia visto negli ultimi anni. E non parlo di lui che scende dall’aereo a Ciampino a favor di telecamere. Perché quelle immagini – intendo quelle in pista scortato dalla polizia – rendono il senso delle cose, di una fuga di decenni terminata, dell’impunità e dell’arroganza del terrorista finalmente rimasto senza il sorriso beffardo che aveva mostrato tutte le altre volte che l’aveva scampata.
Un giusto tributo, quindi, la sintesi del fatto, perché ci mostra un criminale nel momento in cui si appresta a pagare il proprio conto: giustizia è fatta. E di questo bisogna ringraziare il pool investigativo italiano che è stato capace di stanare il latitante e riportarcelo. Una forma di rispetto soprattutto nei confronti delle vittime del colpevole Cesare Battisti e dei loro familiari.
Ma che agenti della Penitenziaria e agenti di Polizia di Stato si passino la staffetta e che quella staffetta venga mostrata in un video non ha alcun senso, non aggiunge nulla alla giustizia. Soprattutto se quel passaggio del prigioniero da una mano all’altra è l’occasione per gli agenti per farsi le foto ricordo. Lui resta lì, aspetta, non protesta. Aspetta che facciano ciò che vogliono di lui.
Io penso che Cesare Battisti non abbia avuto rispetto degli altri, uccidendo, fuggendo e sottraendosi alle conseguenze dei crimini che ha commesso. Ma quegli agenti in posa sono indegni di un Paese civile. In quelle foto non c’è rispetto della dignità umana. Anche se la dignità da rispettare è quella di un assassino. Noi siamo migliori di lui. Noi dobbiamo esserlo. Il selfie col terrorista, proprio no, potevano risparmiarcelo.”

Noi di vergognoso vediamo solo il fatto che quest’uomo si è goduto la vita fino all’altro giorno, prendendosi beffa delle sue vittime e dei familiari delle vittime.

Vergognoso è stato proteggerlo per tutti questi anni, dopo aver stroncato vite e aver provocato tanto dolore!
Quando finirà in Italia questa storia che vittimizziamo chi commette reati e crocifiggiamo chi fa il suo lavoro?

Annunci


Categorie:news

Tag:,

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

Professoressa Orrù

Latino e Greco per le mie classi del Liceo Dettori di Cagliari fino a settembre 2017; ora anche altro, anche per altri

Jesslan

Una bionda a 88 mph

JSunflower

Segui i tuoi sogni, loro conoscono la strada.

Michela Silvia D'Alessandro Fotografia

"The emotions seen by my eyes"

Stefano Cicchini

Italian Influencer & Instagram Specialist

Diario di una psicopatica sentimentale

Un professionista non se la prende mai con un cretino. Luis Sepulveda

Gabo Serra PH Travel

Ci sono due modi per vivere: uno è viaggiare ed essere felici, l'altro non lo conosco.

hovogliadichiacchiere . . .

cosa c'è di meglio di una bella chiacchierata fra amici?

Storie in punta di righe

fiabe, racconti e ritratti di parole

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

lagendadichiara

working to get out of my comfort zone, or maybe, make it bigger !

tacotacorinbimbim

in alta definizione

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

hicetnunc.wordpress.com

La sensibilità è un dono prezioso e raro. Chi è sensibile sente il doppio e in anticipo, sente la pioggia prima ancora che gli cada addosso e sente le urla di chi piange in silenzio, chi è sensibile non ha bisogno di spiegazioni inutili, preferisce un abbraccio muto.

Letture/Lecturas

"Leggere è sognare per mano altrui. /Leer es soñar de la mano del otro " Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine- Libro del desasosiego

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

I bit-elloni

Retrogames, Videogames, Console e Retrogaming

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: