Pazienza: ho la suocera che mi gira intorno

Cari amici

La suocera colpisce ancora… Questa volta con i lavori che bisogna fare in casa e non solo.

La mia casa è grande ma ha tanti anni, con pochissimi lavori fatti sin dalla sua costruzione, perché prima qui ci abitava la nonna del mio ragazzo.

Quindi una sola persona con uno stile di vita molto diverso di una coppia giovane.

E come immaginerete i lavori da fare sono mille… Purtroppo però avendo pochi soldi possiamo permetterci di fargli solo di volta in volta.

1.La tenda del balcone.

Abitiamo in una palazzina di solo quattro famiglia, e il nostro balcone ha la vista verso la strada e quindi quando batte il sole bisogna mettere giù il tendone. Un tendone verde pistacchio con delle strisce bianche non molto moderno… il nostro con un taglio di circa 30 cm colpa del tempo e del vento… quindi oh Dio!!! roba da cambiare.

La suocera: dovete cambiarlo subito!

Aspettiamo un anno e nello stesso mese.

La suocera: dovete cambiarlo subito, ORA!

Per non sentirla più, e per essere rispettosi chiamiamo, fissiamo un appuntamento e cosi contenti tutti.

Arriva il giorno dell’appuntamento…La suocera era pronta, e un secondo prima che il signore citofonasse lei era pronta ad aprire la porta.

Guardano il tendone, controllano tutto… tutto funziona benissimo, l’unico problema il taglio… Bene! facciamo un preventivo… e prima che il ragazzo aprisse bocca mia suocera apre la sua…

SONO 500€

E io c***o! – penso

Il ragazzo continua a parlare e dire che il mio tendone è diverso e più piccolo del suo e lei ripete:

SONO 500€

Il ragazzo risponde: Si sono 500€

Per fortuna dopo sono riuscita a farmi abbassare il prezzo perché 500€ costava il suo il mio più piccolo costava meno.

1 -0 per me

2.L’Orto.

Mia suocera odia tutto cio’ che e’ verde, dice che far l’orto e’ brutto perche’ ci si sporca.

Ognuno ha il proprio punto di vista.

Abbiamo un Orto di 5m x 6m piccolino e carino, abbastanza per mettere giu’ un po’ di piantine.

Ho fatto una prova visto che il povero orto e’ stato coperto con un brutto telo nero per circa 30 anni.

E io che amo la natura volevo assolutamente il mio orticello.

Pianto un po’ di piantine, le solite aromatiche, basilico, menta, rosmarino e salvia e provo con la lattuga e il pomodoro.

Il pomodoro cresceva molto lentamente, e la lattuga non mi dispiaceva, alla fine abbiamo fatto la raccolta erano pochissimi pomodorini e qualche foglia di lattuga ma ero contenta, almeno la terra dell’orto non faceva pena come diceva la suocera.

Invece le piante aromatiche con pazienza e amore crescevano, erano davvero belle, a fine settembre la suocera incomincia:

Sono brutte quelle piante

Sono morte

E io pensavo e va beh lasciamole li, non ci danno problemi, l’orto non è mica dentro casa.

Un giorno mi dice devo andare in discarica e io rispondo educatamente: bene!

Al mio ritorno dal lavoro le mie piantine dell’orto erano sparite. Qualcuno le aveva strappate. Con sangue freddo, immagino e cerco di pensare chi potrebbe essere stato.

La suocera si aveva preso la briga di sporcarsi e di strappare le mie piante.

Morale della favole. Il mondo gira – l’anno dopo il mio orticello mi ha dato un sacco di pomodorini, insalata, fagiolini, pesche, zucchine, tanti fiori, rose, girasoli e le mie piantine aromatiche (nuove) dopo tutto l’inverno sono ancora li belle.

2 -0 per me

3.La macchina.

Diciamo che non è difficile da capire. Il tuo fidanzato e compagno ha una macchina e la guida lui, affianco è il posto della donna, della compagna, della quasi moglie.

Ma in realtà non mi sono mai fatta questi problemi… Un posto vale l’altro.

Ma dal momento in cui, “ti rubano” il posto e cercano di ignorarti, allora qualcosa non va.

Io da brava persona mi consulto sempre con la mia psicologa personale: mia mamma.

Dopo qualche consiglio, mi rendo conto che non c’è motivo di arrabbiarsi, in fondo è lei il problema non io.

Quindi faccio una prova per stuzzicare la suocera, e un buon giorno li rubo il posto d’onore.

E non vi dico!!!

Addirittura le urla.

Bene, il buonismo e la tolleranza di cui parlava mia mamma sono finiti.

Il posto affianco al mio uomo è mio.

Dopo mille volte lha capito.

3-0 per me

4. La porta di casa.

Solitamente casa mia era sempre aperta perchè prima ci abitava la nonna di Roberto, così se aveva bisogno di qualsiasi cosa mia suocera poteva aiutarla e sicuramente sono d’accordissimo.

Ma nel momento che tuo figlio trova una donna e vanno ad abitare assieme certe abitudini come “lasciare la porta di casa aperta” sono finiti.

Voi cosa ne pensate?

All’inizio cercavo di non arrabbiarmi ma me la trovavo sempre dentro, vi dico la verità a volte era inquietante perchè non la sentivo entrare.

Quando è diventata un’abitudine vederla entrare mentre eravamo in fase coccole, ci dava veramente fastidio.

Ma dopo 2 000 volte la pazienza non la si può gestire – infondo sono sempre un essere umano.

Quindi abbiamo incominciato a chiudere a chiave così era costretta a suonare.

E anche li – le urla.

Pace la porta rimarrà sempre chiusa a chiave, e abbiamo deciso.

Ora dimentico di chiudere a chiave e lei suona sempre. Meno male!!!

4-0 per me.

Nella vita bisogna essere pazienti, educati, rispettosi ma mai mai mai idioti. Quindi se avete una suocera come la mia ignoratela con amore e rispetto, amatela, non litigate mai con lei, e insegnate che la famiglia è qualcosa di bellissimo. 

E lei vi amerà sempre

 

 

Annunci


Categorie:famiglia

Tag:, ,

5 replies

  1. Ho abitato dieci anni nella palazzina con mia suocera e mia cognata. Apparentemente, dico apparentemente, sembrava che si facessero i fatti loro… Sono venuta a vivere in campagna. Un’altra vita, forse più faticosa, ma a 25 km da Roma. Ho conosciuto un certo numero di coppie scoppiate per colpa dei parenti troppo vicini, di solito la palazzina della suocera. Deve essere il tuo uomo a dirle gentilmente di mettersi dietro, non deve essere una tua battaglia. Se lui fa finta di niente non ha reciso il cordone ombelicale. Gli uomini sono così. Fai attenzione. I nemici della coppia sono le tre ‘s’: sesso, soldi, suocere.

    Piace a 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Paper Girl in a Paper Town

Aspirante scrittrice. Sono una ragazza di carta in una città di carta

Professoressa Orrù

Latino e Greco per le mie classi del Liceo Dettori di Cagliari fino a settembre 2017; ora anche altro, anche per altri

Jesslan

Una bionda a 88 mph

JSunflower

Segui i tuoi sogni, loro conoscono la strada.

Michela Silvia D'Alessandro Fotografia

"The emotions seen by my eyes"

Stefano Cicchini

Italian Influencer & Instagram Specialist

Diario di una psicopatica sentimentale

Un professionista non se la prende mai con un cretino. Luis Sepulveda

Gabo Serra PH Travel

Ci sono due modi per vivere: uno è viaggiare ed essere felici, l'altro non lo conosco.

hovogliadichiacchiere . . .

cosa c'è di meglio di una bella chiacchierata fra amici?

Storie in punta di righe

fiabe, racconti e ritratti di parole

Povertà e Ricchezza

OSARE RENDE LIBERI

lagendadichiara

working to get out of my comfort zone, or maybe, make it bigger !

tacotacorinbimbim

in alta definizione

Chiavari EMOZIONI tra Caruggi e Portici

Da un'Emozione nasce un Disegno da un Disegno un'EMOZIONE

EmoticonBlu

Mi contraddico? Certo che mi contraddico! Sono grande, contengo moltitudini! (W. Whitman)

hicetnunc.wordpress.com

La sensibilità è un dono prezioso e raro. Chi è sensibile sente il doppio e in anticipo, sente la pioggia prima ancora che gli cada addosso e sente le urla di chi piange in silenzio, chi è sensibile non ha bisogno di spiegazioni inutili, preferisce un abbraccio muto.

Letture/Lecturas

"Leggere è sognare per mano altrui. /Leer es soñar de la mano del otro " Fernando Pessoa, Il libro dell'inquietudine- Libro del desasosiego

dimensioneC

Se apro la porta al mondo, forse qualcuno entrerà

I bit-elloni

Retrogames, Videogames, Console e Retrogaming

comics country

AllAboutComicsAndMore!

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: